Idee di programma

Due estati fa tornando da una vacanza nel Salento feci tappa in un bell’agriturismo in Abruzzo e condivisi la colazione con una simpatica coppia di turisti belgi, di Maastricht. Stavano tornando a casa da un lungo viaggio in Italia che iniziarono a Torino. Incuriosito, chiesi cosa avevano visitato e cosa pensavano della mia città. Mi dissero che la città gli era piaciuta molto, ma tre cose soprattutto avevano loro gradito: i grandi viali alberati, i parcheggi sotterranei e i portici. Di fatto una sintesi di una città godibile e vivibile. Il verde degli alberi, la possibilità di lasciare l’auto e poter passeggiare in tutta serenità sotto i portici o in una zona pedonale. Anche i quartieri così. Godibili.

Moltissimo è stato fatto in questi anni di amministrazione, basti pensare a cosa era San Salvario sono dieci anni fa, basti pensare a cosa sarebbe ora la collina torinese se avesse prevalso la speculazione edilizia. Bisogna continuare su questa strada: Torino è cambiata, continuiamo a cambiarla.

Se penso alla mia circoscrizione vorrei che si lavorasse, dando le giuste priorità, in questa direzione. Di seguito riporto quello che sarà il mio contributo in termini di proposte e idee che invierò alla commissione programma del circolo territoriale del PD.

Idee per il programma

– Una circoscrizione accogliente e sostenibile

Nella nostra circoscrizione mancano parcheggi che consentano di liberare le strade dalle auto favorendo l’implementazione di aree pedonali e ciclabili e di vie a percorribilità sostenibile. Mi piacerebbe che le aree di sosta fossero solo su un lato delle vie, mentre dall’altro si potessero allargare i marciapiedi includendo piste ciclabili.

– Una circoscrizione accogliente e attrattiva

San Salvario è anche multi religiosità: chiese cattoliche, tempio ebraico, chiesa valdese e moschee. Realtà che collaborano tra loro e che aiutano a eliminare pregiudizi e intolleranza. Mi piacerebbe che in San Salvario potesse nascere un Museo delle Religioni, sarebbe cultura da diffondere e  anche una meta turistica.

In Borgo Po, ai confini della circoscrizione, c’è la tristemente famosa Caserma di via Asti che fu durante il periodo della Resistenza sede di un carcere dove venivano rinchiusi e torturati oppositori al regime fascista e i partigiani. La caserma potrebbe diventare la nuova sede del Museo della Resistenza e delle associazioni come l’ANPI o ANED. La caserma potrebbe anche diventare una sede distaccata del dipartimento di Storia dell’Università torinese.

Vorrei anche una maggiore fruibilità dell’orto botanico, ampliandolo e organizzando corsi di formazione per i cittadini. Penso, per esempio, a formazione rivolta alla cura degli orti urbani.

Il rapporto tra amministrazione e scuola pubblica dovrà essere costante e istituzionalizzato. La scuola pubblica è un bene del territorio irrinunciabile, penso a una commissione dedicata alla scuola, aperta ai cittadini, che produca, a cadenza annuale, rapporti sullo stato della scuola nella circoscrizione.

– Una circoscrizione efficiente e vicina a chi la vive e la abita

Il commercio non potrà che beneficiare delle iniziative sopra elencate. Un quartiere dove è facile parcheggiare e soprattutto percorribile in tranquillità, con punti d’interesse culturale da visitare sicuramente aiuta il commercio più di una festa di quartiere.

Dobbiamo anche continuare l’opera di avvicinamento delle istituzioni ai cittadini. Proporrei un inventario dei servizi attuali in modo da individuare, con l’aiuto di una commissione di cittadini, eventuali mancanze e aree di miglioramento.

A proposito di servizi dobbiamo salvaguardare la presenza dell’Ospedale Valdese e fare in modo che la Regione Piemonte mantenga attiva questa struttura sanitaria.

Infine ritengo si debba rilanciare la proposta elaborata da Marta Levi, assessore al decentramento della giunta Chiamparino, in modo da affidare ai consigli circoscrizionali maggiore delega e autonomia di bilancio. Da subito si potrebbe iniziare istituendo le commissioni di quartiere con la partecipazione di cittadini al fine di favorire un rapporto di scambio d’idee e di verifica delle decisioni.

Idee, suggerimenti inviateli saranno molto graditi e sarà mia cura inoltrarli alla segreteria del circolo PD territoriale: email montaruli.augusto@gmail.com

Augusto Montaruli

6 thoughts on “Idee di programma

  1. Bravo Augusto, complimenti per le idee e più ancora per l’atteggiamento e lo spirito.
    Oltre alle cose da te proposte penso che nella circoscrizione, che è una delle più variegate dal punto di vista sociale, etnico, religioso ed economico, si dovrebbero promuovere attività di integrazione e scambio culturale in senso lato.
    Attività di strada ed iniziative che coinvolgano i bambini potrebbero servire ad unire persone che si sentono tra loro diverse, ma ritrovandosi fuori casa nel territorio, potrebbero scoprire che stare insieme aiuta a stare meglio.
    In un momento politico come questo, caratterizzato da divisioni ed egoismo personale, è importante ripartire dall’aggregazione e dalla “res publica”: la cosa di tutti.

  2. Caro Augusto,
    le tue “Idee per il programma” sono per me tutte condivisibili. Personalmente, trovo assai auspicabile la progettazione di un Museo delle Religioni, o meglio una Casa delle Religioni nella nostra Circoscrizione. Idee come questa, però, come i parcheggi sotterranei, o il Museo della Resistenza da ricollocare presso gli edifici di via Asti, sono progetti di “visione”, che, naturalmente, a noi che ti voteremo fa piacere sapere tu intendi coltivare. Per l’immediato,però, io voglio dirti che sono intanto completamente con te quando scrivi: “Proporrei un inventario dei servizi attuali in modo da individuare, con l’aiuto di una commissione di cittadini, eventuali mancanze e aree di miglioramento”. Ecco, questa sarebbe già una bella attività, con cui cominciare il tuo lavoro in Circoscrizione e per la quale saremmo già in tanti pronti a dare una mano.
    Buona campagna!
    Carmelo

    • Carmelo, concordo con te. Occorre dare priorità e stare con i piedi per terra, ma senza idee “visionarie” rischiamo di non realizzare neanche quelle “terra terra”.
      Grazie per il supporto e per il voto.
      Augusto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...