Ah, les italiens

Personalmente dei sondaggi on line ho sempre diffidato, valgono ciò che valgono, cioè niente. Infatti ricevo questa mail. Giudicate voi.

———- Messaggio inoltrato ———-
Da: salviamo corso marconi <salviamocorsomarconi@gmail.com>
Date: 21 maggio 2013 15:23
Oggetto: ComitatoCorsoMarconi n. 6 – Rettifica Sondaggio Istantaneo
A: salviamo corso marconi <salviamocorsomarconi@gmail.com>

Se volesse partecipare al sondaggio …

Grazie ad una segnalazione, abbiamo scoperto che si può  rivotare con lo stesso computer, se si chiude e riapre la finestra Explorer (o altra applicazione browser).

Comitato “Salviamo Corso Marconi”

Annunci

4 thoughts on “Ah, les italiens

  1. Caro Augusto,
    mi stupisce il tuo stupore, purtroppo ormai non l’ammiccamento con il quale riporti solo questo messaggio del Comitato Salviamo Corso Marconi, che faceva seguito a quello nel quale si segnalava il sondaggio online dicendo:
    :
    «Funziona cosi: un computer, un voto.
    Se avete possibilità’, passate parola».

    Quindi dire nel messaggio successivo:

    «Rettifica sul funzionamento del sondaggio istantaneo.
    Grazie ad una segnalazione, abbiamo scoperto che si può rivotare con lo stesso computer, se si chiude e riapre la finestra Explorer (o altra applicazione browser)»

    significa solo avvertire le persone che si erano invitate a votare della inaffidabilità del sondaggio. Come Comitato ci sentiamo impegnati a non mentire o informare male i cittadini.

    Comunque il Comitato Salviamo Corso Marconi non ha mai fatto riferimento al sondaggio online (nonostante il NO sia arrivato al 78%) proprio per la sua scarsa significatività ed affidabilità: sono le oltre 2500 firme raccolte (senza conteggiare le ulteriori numerosissime raccolte negli ultimi giorni), firme verificabili, con dati anagrafici e documento di identità, che dicono quale sia la posizione dei cittadini sulla questione.

    Quanto allo stupore, io sono stato più colpito dal leggere virgolettati non smentiti come:
    «Nei giorni scorsi, a lanciare una provocazione, è stato l’assessore ai Trasporti Claudio Lubatti, tra i più ferventi sostenitori dell’operazione: “lanciamo una raccolta firme – ha detto – per far vedere chi è a favore del parcheggio e della riqualificazione dell’area».

    Come, l’assessore lancia una petizione per il diritto di tribuna? Perché, non ha occasione di fare sentire la sua opinione? Con tutto il rispetto per i cittadini che sono a favore del parcheggio interrato e che possono avere firmato la petizione. (A proposito: il Comitato Salviamo Corso Marconi NON si oppone alla riqualificazione dell’area; al contrario vuole che ciò rimanga possibile)

    • Caro Umberto,

      io ho evidenziato 1) la totale inaffidabilità di questo tipo di sondaggi e il rischio che questi facciano opinione 2) una mail che mi è stata inoltrata che riportava solo quanto puoi leggere nel post e nulla più. Se vuoi te la inoltra così come mi è pervenuta. Altri messaggi non ho ricevuto. Convieni con me che messa così è un invito a barare.
      Avrei fatto la stessa cosa se la mail mi fosse pervenuta da comitati per il si o per il “ni” (questo è quello che personalmente preferisco, magari lo fondo).
      Detto questo, massimo rispetto per chi con passione e trasparenza (come fai tu) conduce questa battaglia.
      Mi rimane un po’ di amarezza quando dal consiglio di circoscrizione si approvano a larga maggioranza, se non all’unanimità, ordini del giorno che vanno verso un territorio più sostenibile ma che non ricevono alcun supporto da chi ora si mobilità strenuamente per il parcheggio sotterraneo, o quando vedo la dissolvenza su questioni come il Valdese.

  2. Augusto Montaruli, la mail da lei pubblicata e’ stata modificata da qualcuno (…) . E’ quindi falso dire che e’ stata mandata dal Comitato Salviamo Corso Marconi.
    La volontà’ di barare e’ di chi ha modificato e omesso una parte di messaggio. Questo per me e’ grave.
    La volontà’ di chi ha scritto invece e’ quella di sottolineare il facile raggiro e quindi dell’ inaffidabilità’ del sondaggio.
    Il facile raggiro e’ applicabile sia per chi votava SI che per chi votava NO, ovviamente.

    Piuttosto sarebbe molto trasparente se pubblicasse interamente la mail che ha ricevuto, incluso il mittente.
    Ah les italiens!

    Questa la mail originale:
    Da: salviamo corso marconi
    Date: 21 maggio 2013 15:23
    Oggetto: ComitatoCorsoMarconi n. 6 – Rettifica Sondaggio Istantaneo
    A: salviamo corso marconi

    Rettifica sul funzionamento del sondaggio istantaneo.
    Grazie ad una segnalazione, abbiamo scoperto che si può rivotare con lo stesso computer, se si chiude e riapre la finestra Explorer (o altra applicazione browser).

    La rettifica era relativa ad una mail mandata 2 ore prima in cui era detto:

    Funziona cosi: un computer, un voto.

    • Grazie per il commento.

      la mail con il mittente, per ovvi motivi di privacy, non posso pubblicarla. Sono contento che lei abbia nel suo commento riportato la mail completa che, a dire il vero, non cambia di molto. Non leggo inviti espliciti a non rivotare, ma non è questo il punto principale della polemica. Il punto è sull’affidabilità dei sondaggi e sul fatto che si possa barare per il si e/o per il no.
      Aggiungo che essendo per il “ni”, sono poco coinvolto sull’esito del sondaggio.

      Il “ni” sarebbe questa cosa qui: http://augustomontaruli.it/blog/2013/04/05/unoccasione-mancata/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...